Staiti

Venerdì, 12 Agosto 2016 19:30

Enogastronomia 2016 Ore 19:30

La Condotta si racconta, incontri con le Comunità del Cibo, le attività e i progetti sul territorio.

Stand Slow Food Reggio Calabria – Area Grecanica

Esposizione di prodotti, materie prime e materiali identitari della cultura agricola e gastronomica dell’Area Grecanica.

Laboratorio del Gusto

I jialùni: il racconto, la preparazione, l’assaggio.

in collaborazione con l'Associazione Fenice di Staiti

A Staiti, piccolo borgo incastonato tra le rocche aspromontane Giambatore, la Condotta Slow Food Reggio Calabria Area Grecanica e l’Associazione Fenice hanno dato vita a un vivace Laboratorio del Gusto dal titolo “I jialùni: il racconto, la preparazione, l’assaggio”.

Pretesto della narrazione curata dalla Comunità dei Cibi della Memoria Storica dell’Area Grecanica, la parola jialuni (tartaruga marina) dalla pronuncia difficile se non si conosce il grecanico o il greco.

In molte culture del mondo, la tartaruga rappresenta longevità, fortuna, saggezza, ma anche fertilità e attaccamento alla terra. Omero attribuisce l’invenzione della lira a Hermes proprio con l’uso del guscio come cassa di risonanza. Sarà anche una coincidenza il fatto che proprio sulla costa dove si affaccia Staiti, ogni anno le tartarughe nidificano, ma questo dolce dalla forma proprio di testuggine si è sempre preparato in tutte le famiglie.

Venerdì 12 agosto, sotto una splendida luna e al richiamo dei tamburi della banda pilusa, nella piazza principale si sono riversate decine di curiosi per ascoltare dalla voce di Giuseppe Licciardo, i racconti sugli uomini e le donne del piccolo paese aspromontano che conta appena 180 abitanti. Uomini e donne che custodiscono saperi dalla forte identità. Una su tutte: l’arte casara. Una vita, quella dei pastori di Staiti, dedicata alla cura dei propri animali e alla produzione degli squisiti formaggi.

La signora Vittoria, donna dalla sapienza silenziosa, ha intrattenuto poi i partecipanti con una dimostrazione attiva del processo che porta alla realizzazione dei gustosi jialùni, dolci tipicamente pasquali dal gusto inconfondibile. Come hanno tenuto a sottolineare le appassionate Antonella e Giovanna, dolci semplici preparati esclusivamente con quanto disponibile nelle case dei contadini di Staiti: farina autoprodotta, tuma, olio, miele, limone; abilmente preparati e cotti nel forno a legna.

Il Laboratorio del Gusto di Staiti è inserito nell’ambito delle attività culturali del Festival Paleariza.

Il prossimo appuntamento il 16 agosto, sempre alle 19.30 a Bova.


Tutti gli aggiornamenti su

www.paleariza.it
www.calabriagreca.it

  • Staiti
  • Staiti
  • Staiti
  • Staiti
  • Staiti
  • Staiti
  • Staiti
  • Staiti
  • Staiti
  • Staiti

Commenti (0)

Lascia un commento

Stai commentando come ospite.

 

Copyright © 2016 PALEARIZA - Built with HTML5 and CSS3